Il caffè in Italia

Ciao!
Nel post di oggi ti insegnerò a distinguere i vari tipi di caffè che esistono in Italia e imparerai ad ordinare un caffè al bar come un vero italiano!

 

Iniziamo con i principali tipi di caffè:

 

1. Caffè espresso

È un classico: il caffè preparato al bar con la macchina (che si chiama proprio “dell’espresso”).
Caratteristiche del caffè espresso: è forte e concentrato e i veri amanti dell’espresso lo amano amaro, senza zucchero.

 

Macchina dell’espresso

2. Caffè macchiato

 

È un caffè espresso con il latte.

 

Esiste il macchiato freddo e il macchiato caldo. Quello freddo è servito con il latte a parte, invece quello caldo è servito con poca schiuma di latte calda.

 

3. Caffè lungo

Ha la stessa quantità di polvere di caffè dell’espresso, ma nella sua preparazione è usata più acqua.

 

4. Caffè americano

È un caffè “lunghissimo”, con molta più acqua di un normale espresso. È un caffè più leggero e meno concentrato.

 

 

5. Caffè della moka

È il caffè fatto in casa. In tutte le case italiane c’è una moka, che è curata come una di famiglia!
Un segreto per un ottimo caffè fatto in casa? Non lavare mai la moka con il sapone, ma sempre con l’acqua pura.

IMPARIAMO ITALIANO

Ora che conosci i principali tipi di caffè sei pronto per imparare come ordinare (chiedere al bar) il tuo caffè preferito.
Vediamo alcuni esempi:

 

  • Per me un caffè macchiato, per favore!
  • Vorrei un caffè lungo, grazie!
  • Prendo un caffè espresso molto caldo, per favore.

PRATICA L’ITALIANO!

Vuoi esercitare subito il tuo italiano? Completa questo testo dedicato alla famosa moka coniugando i verbi tra parentesi!

 

Mi chiamo (chiamarsi) Moka e …………. (abitare) nelle case di tutti gli italiani. Noi Moke ……… (essere) in tante, classiche e moderne, ma tutte ……… (avere) una caratteristica speciale: più ……… (diventare) vecchie, più ………… (sentirsi) in forma e ………… (fare) un caffè buonissimo! 
Io ………(essere) un tipo tradizionale: mi chiamano la classica. ……… (essere) di alluminio, stretta di vita, larga di fianchi e ………. (avere) una bella boccuccia. Io ………(odiare) il sapone e la lavastoviglie: mi …….. (piacere) essere lavata a mano.

(Adattato da “I Verbi Italiani”, Alma Edizioni, Firenze)

Qual è il tuo caffè preferito? Pratica nei commenti!

 

CIAO!
Iscriviti alla newsletter

Ricevi gratis materiali esclusivi per migliorare l'italiano!

Invalid email address
You can unsubscribe anytime.
11 Responses
  1. Michel Masson

    Ciao Eleonora,
    Grazie mile per il tuo corso. Anch’io sono professore (francese) e mi piace tanto il tuo “style”.
    Una domanda; perché non ti parlai del cappuccino ?
    A presto
    Michel

    1. eleonora

      Ciao Michel! Grazie per il tuo commento e piacere di conoscerti. Bella domanda, consideriamo il cappuccino più una “bevanda calda” che un vero e proprio tipo di caffè. I classici sono il macchiato, corretto, americano, ecc… Diciamo che il cappuccino merita una categoria a parte 🙂

  2. Sonia Perez Tornero

    Buon pomeriggio Eleonora, Ho completo il testo ma mi piacerebbere sapere se lo fatto bene.

    – abito
    – siamo
    – abbiamo
    – diventiamo
    – sentiamo
    – facciamo
    – sono
    – sono
    – ho
    – odio
    – piace

    Grazie mille per tutto, mi stai aiutando molto.

    1. eleonora

      Ciao Sonia! Brava, complimenti, è tutto corretto tranne un verbo: “Sentirsi” è riflessivo, e qui al presente diventa: (Noi) ci sentiamo. Puoi riconoscere un verbo riflessivo dall’infinito, che termina sempre con “si”, come in sentirsi.

  3. MARCELO CARLOS

    Ciao. Tutto bene!! Mi chiamo Marcelo Carlos, abito in Brasile, a stato Rio de Janeiro. La lezione tra la moka è pìu importante, perchè questo aprendimento à necessario alla conservazione della moka.

    Grazie e arrivederci

    1. eleonora

      Ciao Marcelo, grazie per il tuo commento. È proprio vero, un buon caffè dipende anche da come ci prendiamo cura della nostra moka!

  4. Irinel

    Ciao Eleonora,
    Mi piace molto il cappuccino e quando ero a Venezia per studiare fotografia bevevo (?) un cappuccino ogni mattina prima delle classe. Ho tante memorie bellissime del bar dove il barista sapeva quanto zucchero volevo nel mio cappuccino. Era il tempo più bellissimo il mio studio a Venezia

Leave a Reply